Ciclista morto in Via del Terrapieno: L’Altra Babele chiede interventi urgenti a tutela dei ciclisti.

Dopo due giornate di festa all’insegna della mobilità sostenibile e della bicicletta la morte di un giovane studente che si stava spostando in bicicletta verso il centro città ci riporta bruscamente alla realtà: urgono interventi concreti per la moderazione della velocità sulle strade a tutela degli utenti che si spostano in bicicletta.

Ieri sera in Via del Terrapieno è stato investito Nicholas Battaglia Parodi, uno studente di appena 22 anni. Il conducente del veicolo che ha urtato la bici su cui viaggiava il ragazzo è risultato positivo all’alcol test.

La notizia per noi è sconvolgente.
In Piazza Maggiore, proprio in quegli attimi, stava iniziando L’Asta di Biciclette promossa da L’Altra Babele, una delle numerosissime iniziative proposte in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile all’interno del Bici Villaggio. Anche per questo l’ennesima tragedia che si verifica sulle nostre strade ha un sapore ancora più amaro.

Un grave lutto che colpisce e che ci spinge a non distogliere l’attenzione dalla non attenuata pericolosità delle nostre strade. Nonostante i numerosi progetti messi in campo negli ultimi anni, la nostra associazione non può che tornare a rimarcare la necessità di un serio programma teso a moderare sensibilmente la velocità dei veicoli motorizzati in tutto il territorio cittadino e soprattutto l’urgenza di creare percorsi protetti per i ciclisti nelle strade a scorrimento veloce.

La Tangenziale delle Biciclette, inaugurata sabato assieme a Felice Gimondi, è sicuramente un grande passo avanti, tuttavia è evidente che c’è davvero ancora molto da fare e, in questo senso, esortiamo gli amministratori locali a muoversi con decisione verso interventi infrastrutturali significativi e la politica nazionale ad intervenire in modo rapido verso la tutela dei ciclisti a partire dalla approvazione di un nuovo codice della strada fortemente improntato verso la tutela degli utenti che viaggiano in bicicletta.

Alla famiglia di Nicholas va tutto il nostro cordoglio e la promessa del nostro impegno affinché situazioni di questo genere in futuro possano essere evitate. Sappiamo che questo non è sufficiente e non potrà certamente attenuare il dolore per la perdita subìta. Ed è proprio per questa ragione che esortiamo tutti a impegnarsi quotidianamente affinché tragedie di questo tipo siano definitivamente scongiurate.

 

I ragazzi dell’associazione studentesca L’Altra Babele e dell’associazione L’Altra Babele – Promozione Sociale

bicicletta-incidente-ambulanza